who's on line ?

Nous avons 9 invités en ligne

logo-araaslanian
www.paradis.fr
(foto : Ara Aslanyan)

logo-book
la boutic

yukos
Mikhail Khodorkovsky

logo-vassili
Vassili Alexanian

il melograno PDF Imprimer Envoyer
նուր .. nour.. la grenade.. il melograno.. the pomegranate.. pume grenate.. malum granatum.. punicum malum.. punica granatum..

merci a Stefano Di Domenico, per il suo aiuto

tema della mostra "Fi(g)li di Ararat 2" : il melograno
organizzato dall'associazione Chiche alla Casa Armena della Gioventù e della Cultura (Marsiglia) dal 20 al 26/10/2010
Attraverso questo frutto, gli artisti hanno presentato la loro visione dell'Armenia.

Il melograno, frutto proibito del paradiso, è l'emblema dell'Armenia (nour).
Il melograno, un frutto austero all'esterno e altrettanto ricco all’interno.


Nomi comuni: melograno, mela granata.
Nome scientifico: Punica granatum.
Famiglia: punicaceae.




ar-grenade9


l'origine del nome

ar-grenade14
Apparso inizialmente sotto il nome pume grenate nel 1175, il termine "grenade" (melograno) è comparso nella lingua francese nel 1314.
Viene dal latino malum granatum che significa “frutto dai piccoli grani".

Il vero nome latino
punica proviene da ciò che i Romani chiamavano anche il frutto Punicum malum, letteralmente “mela punica" in allusione all'ex Fenicia, dove si coltivavano grandi frutteti di melograni.

"Madonna dal melograno" by Alessandro Botticelli

Questa tempera (su legno) è stata realizzata in 1487. È esposta alla galleria degli uffici di Firenze.

La Vergine Maria tiene tra le mani il figlio Gesù e un melograno maturo ed aperto. Sei bambini lo circondano.
Botticelli dipingerà questo “tondo„ (composizione di pittura realizzata su un supporto di formato rotondo o all'interno di un disco) per un tribunale fiorentino all’interno  del palazzo della Signoria.


ar-botticelli


È chiaro che la volontà di Botticelli è di suggerirci un'idea incontrovertibilmente eretica.

L'associazione delle rappresentazioni della Vergine Maria, del figlio Gesù, del simbolo di produttività, e di Afrodite, dea della generazione e della vita universale, è sconcertante.

La proposta di Botticelli che annuncia una nascita è del tutto evidente. Così il melograno maturo ed aperto che Maria ed il figlio Gesù prendono tra le mani potrebbe simboleggiare la produttività, la generazione universale, l'immortalità e dunque la discesa, la loro discesa.


Nell'antichità, la dea Era teneva un melograno, simbolo di fertilità, nella mano di destra. La Vergine Maria è anche rappresentata nella zona di Paestum con melograni tra le mani.

ar-madonegrenade
la madonna dal melograno

I fondatori greci di Poseidonia (Paestum) hanno dedicato a Era, la dea madre e la dea della madre patria, un santuario posto all’ingresso della valle “del Sele" nell’Italia del Sud.

ar-Jim_Phalen
by Jim Phalen


Nella Bibbia, il motivo per cui l'uomo fu cacciato dell'Eden è da ascrivere al fatto che morse il frutto dell'albero della conoscenza. Eva mangiò la mela e ne offrì ad Adamo.  Alcuni pensano che la mela, responsabile della caduta dell'uomo, sarebbe in realtà una mela granata.

il melograno, dei simboli

In ebreo, il melograno (rimon), evoca l'elevazione (ram), ma anche il prelievo (térouma). È un simbolo di produttività, ed anche dell'unità del popolo, poiché i grani sono stretti tra loro.

Il Melograno è originario del Medio Oriente, probabilmente dell’Iran. Nella mitologia greca, il melograno è il simbolo di Afrodite ed nel Medio Evo, è un attributo della vergine, ciò che è curioso per un simbolo di produttività.
ar-grenade30
A causa dei suoi numerosi chicchi, è simbolo di amore, di fertilità e di prosperità nella Grecia e nella Roma clasiche, in Mesopotamia ed anche in Asia.

ar-grenade12
Il Melograno appare nelle tre grandi religioni monoteiste: per i cristiani, è il simbolo delle perfezioni divine (probabilmente Eva mangiò un melograno, frutto della conoscenza, e non una mela…) ; per i musulmani, esso permette di lottare contro l'odio e l'invidia; per gli ebrei lontani dalla loro patria, rappresenta la Terra Promessa.


ar-grenade13


A Java, è associata ad alcuni riti che accompagnano la gravidanza.


ar-grenade11


Secondo Shakespeare, è sotto il suo fogliame che Romeo si riparò per cantare una serenata a Giuletta.

In Cina, la consuetudine vuole che si offra un melograno ai nuovi coniugi come promessa per una numerosa discendenza.
Il profeta Maometto pensava che il melograno scacciasse il desiderio e l'odio.

il melograno, attributo di Afrodite

Afrodite è la dea della bellezza e dell'amore, della generazione, del mare e della navigazione, della vita universale. Sarà assimilata a Venere presso i Romani. I suoi poteri sono immensi: protegge i matrimoni, favorisce l'intesa amorosa tra coniugi, feconda i focolari, presiede alle nascite. Fertilizza anche i campi.

ar-grenade15

Può essere anche temibile, poiché simboleggia la passione che nulla teme, che rende pazzi di amore quelli che vuole perdere; devasta anche le unioni legittime, spinge i coniugi all'adulterio, favorisce la produttività degli amori illegittimi e spinge i mortali a tutti i piaceri e vizi.

Afrodite è allora una dea inevitabile, la cui cintura magica dà a colui che la porta un potere strano di desideri perpetui.


ar-grenade27

Tuttavia, questo carattere temibile appare soltanto nella Venere dei Romani, identificata con Afrodite.

Il Melograno, frutto dai numerosi semi, simbolo della forza fertile, di solito le è dedicato. È del resto con il Melograno che Afrodite preparava filtri d'amore.

ar-grenade28

il melograno, mitologia

Un altro dramma sacro nella storia dell'umanità, è l'eliminazione di Coré Proserpina da parte di Hades (Plutone). La dea è tolta al Dio degli Inferi con l'accordo di suo padre Zeus, ma non quello di sua madre Demetra (Cerere), dea della terra, dei raccolti, dell'agricoltura, della fertilità, che cerca sua figlia e non riesce a trovarla, e per questo rende la terra infertile.

Più nulla cresce. Zeus, allora, chiede a suo fratello Hadès di restituire Proserpina a sua madre prima che l'umanità scompaia, incapace ormai di potersi nutrire.



ar-grenade22
Proserpina by Gabriele Rossetti

Nel periodo durante il quale Proserpina è in terra con sua madre (primavera-estate), Demetra con gioia fa inverdire e fiorire la natura, ma quando Proserpina si trova dal coniuge agli Inferi, Demeter, dolente, spoglia gli alberi e rattrista il paesaggio. È la spiegazione che i greci antichi hanno sviluppato per spiegare il ritmo delle stagioni.

Con questa lettura, Proserpina è paragonabile al seme piantato nella terra, che attende l'arrivo del sole, la presenza dei bei giorni per germinare.


Nei due miti, la cosa che li lega, oltre al fatto che le due donne avrebbero peccato, è questo Melograno famoso, simbolo vaginale.



ar-granad
La chiesa, fedele alla sua tradizione, traspone il simbolismo della produttività del Melograno sul piano spirituale e ne fa il simbolo “delle perfezioni divine nei loro innumerevoli effetti (…) la rotondità del frutto come espressione dell'eternità divina, e la dolcezza del succo come quella del piacere del cuore affettuoso e che sa." (San Giovanni della Croce).

ar-DellaQuercia_Jacopo
Jacopo Della Quercia - Ferrara


la città di Granada

Sono i berberi (i Mori) che hanno portato il frutto in Europa e la città spagnola Grenada, fondata nel X secolo, deve il suo nome a questo frutto dalle mille virtù.
ar-granada


il frutto


Si tratta in realtà di una grande bacca che contiene semi circondati individualmente da una polpa rossa (queste piccole borse gelatinose si definiscono, “chicchi" o "arilles" in francese).

ar-chicchi

La conservazione è possibile nel frigorifero: alcune settimane, o alcuni mesi. Il succo può essere conservato alcuni giorni.

E al congelatore: i chicchi freschi si conservano un anno. Conservare i chicchi asciugati, interi o in polvere, in un posto fresco e secco, al riparo dalla luce.

il melograno, simbolo di salute per eccellenza

Si pensa che il Melograno possa guarire il mal di denti, poiché, tagliato, assomiglia ad una bocca dove i denti sarebbero i semi. Ma è certamente a causa dell'abbondanza dei suoi grani, che il Melograno diventa il simbolo di produttività.

 

ar-primariedittetoscane
by Primarie Ditte Toscane


Il Melograno è apprezzato dai nomadi. Protetto dell'essiccazione della sua buccia spessa e coriacea, le carovane possono trasportarlo su lunghe distanze ed il suo succo rinfrescante e nutriente, è molto apprezzato. Di ciò, si trova traccia in documenti antichi.

ar-lorenzodicredi

Lorenzo Di Credi


Ippocrate raccomanda il succo del Melograno contro la febbre e come tonico contro le malattie.

ar-grenade24I Romani conoscono il Melograno grazie ai Fenici che lo portano dalla Fenicia (Libano) a Roma, da cui il suo nome scientifico Punica.

Oggi il Melograno è coltivato nella maggior parte dei paesi del sud d'Europa, Asia, Africa ed anche in America settentrionale e Sudamerica. Oltre al fatto che sia diventato un frutto alla moda, il Melograno suscita un interesse sempre crescente per i ricercatori.

Ecco le ultime scoperte dei ricercatori che riguardano questo frutto:

Secondo uno studio recente, il Melograno è uno dei frutti che possiede maggiori antiossidanti, fra i quali gli flavonoïdi, i tannini e l'acido ellagico. Il suo tasso di antiossidanti è superiore a quella del tè verde e del vino rosso. Ricordiamo che gli antiossidanti permettono di rallentare l'invecchiamento, di lottare contro le malattie cardiovascolari ed alcuni tipi di cancro. Bisognerebbe berne un quarto di tazza al giorno.



ar-grenade25

collection Richard Ginori


Il consumo regolare di succo di Melograno si è avverato benefico nella prevenzione di diverse malattie cardiovascolari: riduzione delle lesioni da arteriosclerosi, miglioramento della circolazione sanguigna in pazienti con malattie coronariche, una diminuzione dei tenori sanguigni di colesterolo totale e di colesterole-LDL, diminuzione dell'ipertensione.

ar-ginori2
collection Richard Ginori


Più antiossidanti nel succo?
Anche se i semi di Melograno contengono una quantità elevata di antiossidanti, il suo succo ne contiene di più. Infatti, nel frutto, le membrane bianche che circondano i semi contengono grandi quantità di composti antiossidanti. Nella fabbricazione del succo, il frutto è spremuto in totalità: gli antiossidanti presenti nelle membrane si trovano così nel succo. Di qui un prodotto ancora più ricco di antiossidanti.

ar-grenade8


Gli antiossidanti sono degli elementi che proteggono le cellule del corpo dai danni causati dai radicali liberi. Quest'ultimi sono molecole molto reattive che sarebbero implicate nello sviluppo delle malattie cardiovascolari, di alcuni tipi di cancro e di altre malattie legate all'invecchiamento.

Secondo i risultati di uno studio, il Melograno si trova in cima alla lista per quanto riguarda il suo contenuto di antiossidanti, fra una quarantina di frutti analizzati. I principali antiossidanti trovati nel Melograno sono i flavonoidi (particolarmente le antocianine), i tannini e l'acido ellagico. I tannini conferiscono un gusto amaro al succo di Melograno e alle membrane bianche che circondano i semi, mentre le antocianine gli danno il suo colore rosso.

ar-grenade23


In uno studio clinico effettuato da uomini in buono stato di salute, il consumo quotidiano di 50 ml (circa ¼ di tazza) di succo di Melograno per due settimane ha permesso di aumentare in modo significativo l'attività antiossidante totale del plasma, proteggendo così il colesterolo-LDL (colesterolo “cattivo ") contro l'ossidazione.

ar-grenad

Tuttavia, come dimostrano i risultati di un altro studio, quest'effetto non sarebbe forse direttamente attribuibile agli antiossidanti (polifenoli) contenuti nel succo, ma piuttosto ad alcuni dei suoi sottoprodotti formati dalla microflora intestinale.

In questo studio, i volontari hanno ingerito un litro di succo di Melograno al giorno per cinque giorni. I risultati hanno in particolare permesso di dimostrare che esiste una grande variazione individuale quanto al tasso d'assorbimento ed al metabolismo di alcuni antiossidanti del succo di Melograno.
Nella loro conclusione, gli autori dell'articolo insistono sul fatto che occorre essere prudenti nel momento in cui si estrapolano nell'umano dei risultati che portano all'attività antioxydante, ottenuti in vitro.

il melograno, un buon frutto

Rame. Il Melograno è una fonte di rame. Come costituente di molti enzimi, il rame è necessario alla formazione dell'emoglobina e del collagene (proteina che serve alla struttura ed alla riparazione dei tessuti) nell'organismo. Molti enzimi che contengono rame contribuiscono anche alla difesa del corpo contro i radicali liberi.

ar-grenade10

Acido pantotenico. Il Melograno è una fonte d'acido pantotenico. Chiamato vitamina B5, l'acido pantotenico fa parte di un coenzima-chiave che permette all'organismo di utilizzare in modo adeguato l'energia derivata dai prodotti alimentari ingeriti. Partecipa anche a molte fasi nella fabbricazione degli ormoni steroidei, dei neurotrasmettitori (messaggeri nell'influsso nervoso) e dell'emoglobina.

ar-grenade16


Vitamina B6. Il Melograno è una fonte di vitamina B6. La vitamina B6, altrimenti chiamata piridossina, fa parte di coenzimi che partecipano al metabolismo delle proteine e degli acidi grassi come pure alla fabbricazione dei neurotrasmettitori (messaggeri nell'influsso nervoso). Collabora anche alla fabbricazione dei globuli rossi e permette loro di trasportare ulteriore ossigeno. La piridossina è così necessaria alla trasformazione del glicogeno in glucosio e contribuisce al funzionamento regolare del sistema immunitario. Infine, questa vitamina svolge un ruolo nella formazione di alcune componenti delle cellule nervose.


ar-katherinerebak
Katherine Rebak

Vitamina C. Il Melograno è una fonte di vitamina C. Il ruolo che svolge la vitamina C nell'organismo va oltre le sue proprietà antiossidanti. Contribuisce anche alla salute delle ossa, delle cartilagini, dei denti e delle gengive. Inoltre, protegge contro le infezioni, favorisce l'assorbimento del ferro contenuto nelle piante ed accelera la cicatrizzazione.

il melograno, alcuni consigli

Per sbucciare il frutto, tagliare inizialmente una calotta attorno alla corona e togliere delicatamente una parte della membrana bianca del cuore evitando di danneggiare i chicchi. Ritagliare in seguito la buccia del frutto in quattro o cinque sezioni. Introdurre i pollici nella cavità centrale e estrarre delicatamente verso l'esterno le sezioni. Togliere la membrana bianca, quindi girare il frutto in modo che la buccia si trovi dentro e che gli arilles siano esposti. Immergere in seguito le sezioni in acqua: i resti della membrana bianca risaliranno in superficie e potranno essere eliminati facilmente.


ar-riso
riso al melograno

Evitare di utilizzare le pentole in alluminio ed i coltelli in acciaio ordinario, che hanno per effetto di rendere il frutto più amaro.

Nulla permette di apprezzare tanto il succo di Melograno se non di berlo direttamente dal frutto. Perciò, con la mano, si farà rotolare il Melograno su un piano di lavoro per rompere i semi. Si farà in seguito un foro all'estremità del frutto e si aspirerà il succo per mezzo di una cannuccia.

l'albero

Oggi, il melograno è coltivato in molte regioni tropicali e subtropicali d'Europa, Africa e Asia, come in America, dalla California fino al Cile.

ar-grenadier


Ignorato per molto tempo, dai consumatori nord-americani, il Melograno sta acquisendo una reputazione eccellente presso i buongustai, alcuni avendolo qualificato nel 2004 come “ frutto tendenza" dell'anno.

A questa popolarità culinaria si aggiunge l'interesse che suscita presso i ricercatori, che si dedicano alle sue proprietà antiossidanti e sul ruolo che potrebbe svolgere nella prevenzione di diverse malattie.


arayik
Arayig

Esistono numerose varietà di melograni, che producono frutti più o meno acidi o zuccherati, grandi o piccoli, ed il cui colore della buccia varia dal color crema al rosso, ma sui nostri mercati, si conosce praticamente soltanto Wonderful, che si coltiva su vasta scala in California.

ar-grenade17





Fiore di Melograno by Mia Martini


Ceremonies by Armen Chakmakian

biyana-mahari
Biayna Mahari (Erevan)


biyana-mahari2
Biayna Mahari (Erevan)

ar-saghatelian
Samvel Saghatelyan (Los Angeles)


sirio-magnabosco

Sirio Magnabosco (Berlin)


gennaroparricelli
Gennaro Parricelli (Italia)